Orgone Italia

Forum italiano dedicato alla costruzione di orgoniti, gifting e cloudbusting

Ciao! Non hai effettuato l'accesso.

#1 2016-04-14 02:56:38

Andrew
Administrator
Registrato: 2016-02-26
Messaggi: 653

Scoperte psichiche dietro la cortina di ferro (1970)

Scoperte psichiche dietro la cortina di ferro (psychic discoveries behind the iron curtain, 1970.), cosi' si chiama il libro, in inglese, dove si racconta di un convegno in cui i russi mostravano agli americani le loro ricerche sul 'paranormale'.

C'e' tanto da dire e un po' per volta scrivero' qui quello che reputo importante smile

Partiamo dalla psicocinesi di Nelya Mikhailova (chiamata anche Ninel Kulagina, non ho capito se il primo fosse un nome di copertura degli anni 70??), una signora di circa 40 anni di eta' in grado di muovere gli oggetti con la mente.

Prima pero' e' giusto raccontare un po' la sua storia, quando era ragazzina, all'incirca a 10 anni di eta' si ritrovo' a stalingrado a far parte dell'esercito (si perche' anche i bambini erano costretti a combattere), dove dopo vari eventi venne promossa e messa alla radio di un battaglione di carri armiati sovietici.
poi a seguito di esplosioni di artiglieria fu ferita e rimase da parte.
Circa 900 giorni di guerra per difendere Stalingrado. Venne decorata con il titolo di eroe di guerra.

In presenza di diversi scienziati, si esibisce e si parla di un filmato in cui lei inizia a concentrarsi, dopo circa 20 minuti il suo battito aumenta, inizia a muovere le mani sopra una bussola posta sopra ad un tavolo. Dopo un po' la lancetta della bussola inizia a girare in antiorario, fin quando tutta la bussola inizia a muoversi in antiorario come che ci fosse un tornado a farla girare.

in seguito le fanno muovere dei fiammiferi, in un caso anche dentro una struttura di plexigass per eliminare le 'correnti d'aria' come causa del movimento.
Poi le fanno muovere singoli fiammiferi, cosi' da dimostrare che poteva selezionare cosa muovere.
Tutto riuscito, l'esperimento e' stato filmato.

A seguito di questi sforzi, la signora aveva perso piu' di 1kg, aveva trasformato la sua massa in energia.
per diverse ore ebbe problemi alla vista e nello stare in piedi...

Un dottore racconta agli americani mentre guardano questo video, che la signora e' piu' potente quando c'e' bel tempo, e meno potente quando piove.

C'e' da riflettere, Reich diceva che le pulsazioni dell'orgone sono piu' numerose se c'e' bel tempo, e prossime allo 0 quando piove. A riguardo, l'esperimento del pendolo ideato da Reich che pulserebbe in sintonia con l'atmosfera, vedere pagina 172 del libro ("La biopatia del cancro").


Gli autori sottolineano come a volte in situazioni di crisi, le persone spontaneamente manifestino la psicocinesi.
Che sia stata la sua infanzia vissuta in piena guerra a farle sviluppare queste abilita'?

La prima volta che la signora si accorse di avere la facolta' della psicocinesi era in cucina, arrabbiata, e si diresse verso una credenza quando vide una caraffa spostarsi e cadere. Capi' subito che era stata lei e da quel momento si esercito' a muovere gli oggetti.

Altri test che le fecero furono per capire quale parte del cervello usasse per muovere gli oggetti e risulto' quella legata alla vista, altri dettagli sono che le pulsazioni del cuore e del cervello (non ho ben chiaro), aumentavano a dismisura e venivano rivelate da degli strumenti ideati da un certo Sergeyev. Nelya risultava avere 50 volte piu' energia di una persona normale.


Questa e' solo una delle tante storie incredibili che riporta il libro.

Ho trovato questo video di Nelya su youtube
https://www.youtube.com/watch?v=ZMj_bgzCUw8

nina-kulagina.jpg

Non in linea

#2 2016-06-18 00:50:27

Andrew
Administrator
Registrato: 2016-02-26
Messaggi: 653

Re: Scoperte psichiche dietro la cortina di ferro (1970)

Telepatia
se una persona puo' farlo allora anche altre persone possono farlo.

I sovietici erano forti sostenitori di questa teoria

Karl Nikolaiev, e' un telepate, uno di quelli che riesce a mandare e ricevere messaggi con la mente.
Tanti sono gli esperimenti raccontati.
Lui e' un giornalista, ma da sempre ha voluto dimostrare le sue doti.
Racconta che una volta, torno' a casa e non trovo' il suo figlio adottivo.
Prese ed usci' di casa, senza pensare, ando' alla stazione, senti' che doveva prendere un treno. Non sapeva per dove.
Poi senti' che doveva scendere, usci' dalla stazione di arrivo, prese una strada in salita, in un posto desolato cammino' finche' non senti' che era arrivato, entro' in una casa, la porta era aperta.
Sali' al primo piano. Trovo' un gruppo di ragazzi accasciati a terra e tante bottiglie di vodka sparse per il pavimento.
in un angolo suo figlio adottivo.
Lo prese e lo riporto' a casa.

Questa e' un esempio delle doti di Nikolaiev.

Da notare che normalmente esiste una connessione di energia tra madre/padre e figli, in questo caso il figlio era adottivo.

In uno degli esperimenti venne trasportato in Siberia e da Stalingrado gli mandavano messaggi telepatici, ben piu' del 50% vennero ricevuti da Karl con successo.
Eppure la critica all'epoca insisteva che l'esperimento era fallito, Karl replicava, che l'esperimento sarebbe stato un successo anche solo se il tentativo riuscito fosse stato 1 su 20.

In un altro esperimento doveva descrivere l'oggetto che stava tenendo in mano un altro telepate, sempre distante tantissimi km. Un telepate teneva in mano un oggetto che era stato fornito dalla commissione di indagine, lui lo tocca lo tiene in mano e poi si concentra. Nikolaiev inizia a ricevere delle sensazioni, dice e' qualcosa di metallo, credo sia un cacciavite.
Tra tutti gli oggetti che si potevano prendere, la probabilita' di indovinarlo al primo tentativo era pressoche' impossibile.

Tanti ma tanti esperimenti, misure dei valori del corpo, elettroencefalogrammi, ma anche strumenti per aumentare le prestazioni dei telepati, di questi non c'e' scritto alcun dettaglio.

Uno dei segreti di un telepate e' quello di essere in grado di sintonizzarsi con un altro telepate.
I russi verificarono che il cuore di entrambi i telepati batteva lo stesso ritmo quando sintonizzati tra di loro, cosi' come le onde cerebrali.

Tra le tante cose che i russi scoprirono, fu' che la pressione sanguigna cambia se una persona e' sotto l'attenzione di un telepate. Si puo' quindi realizzare con i dovuti strumenti ed un rigido protocollo, uno scambio di informazioni telepatiche anche se una delle persone non e' telepate, usando il messaggio morse.
ad un determinato orario inizia la trasmissione, il ricevente non telepate e' collegato allo strumento che rileva la pressione sanguigna. Se questa aumenta, e' il segnale 1, se rimane invariata 0, passa un minuto, ne passa un altro, ogni minuto e' un segnale. Lontano, un telepate e' concentrato sulla foto del ricevente, invia il segnale.
Finita la trasmissione, viene decodificato dal morse il messaggio, si racconta che la prima parola trasmessa fu' MIG.

I russi usarono questo metodo per comunicare istantaneamente nello spazio. Infatti risulto' molto piu' veloce delle onde radio, la trasmissione mentale non risultava rallentata dall'enorme distanza tra l'astronauta e la Russia.

Inoltre alcuni russi rilasciarono brevi indiscrezioni sul fatto che i telepati venivano messi in alcune stanze con congegni elettronici che amplificavano la loro capacita' telepatica, ma di questi non si ha alcun dettaglio.

Oltre al fatto, se una persona puo' farlo, allora anche altri possono, si vocifera che i russi iniziarono dei protocolli su come allenare persone alla telepatia

Non in linea

#3 2018-07-01 11:22:57

Andrew
Administrator
Registrato: 2016-02-26
Messaggi: 653

Re: Scoperte psichiche dietro la cortina di ferro (1970)

diversi test di telepatia furono svolti anche con gli animali.

un caso eccezionale fu il seguente caso di comunicazione con un cane: senza pronunciare parola, un uomo incarico' mentalmente un cane davanti a lui di andare in un altra stanza, e prendere esattamente una rivista tra le tante messe sopra il tavolo.
l'uomo fisso' il cane, il quale dopo un po' usci' dalla stanza, ando' nella stanza giusta, guardo' sulla scrivania, prese una rivista e la porto' all'uomo.
Era proprio la rivista giusta...

Non in linea

Piè di pagina